Il sole (1978) cm 72×71 – Tempera acrilica sottovetro

Il sole (1978)

cm 72×71 – Tempera acrilica sottovetro

Eseguito per una mostra collettiva alla Galleria dei Bibliofili di Piero Fornasetti, Il Sole esprime pienamente il gusto di Dady Orsi per il gioco e i simboli, nonché la sua ironia. Questo corpo celeste dal volto umano che tiene in mano un pennello si configura sia come autoritratto simbolico sia come un’allegoria della pittura che getta luce sulle cose. In quanto autoritratto, Il Sole partecipa dell’energia che caratterizza Orsi, del suo amore per il mare e per la luce. La sua attrazione costante per il femminile è qui espressa attraverso i raggi che, come tentacoli, entrano in due scarpette col tacco e dalla presenza nella stanza di quadri raffiguranti nudi femminili. Il riferimento al Sole di De Chirico è evidente sia nella prospettiva della stanza sia nella palla. Dal punto di vista tecnico il dipinto è un esito particolarmente raffinato della tecnica della pittura sottovetro. Al gioco di riflessi del vetro sul colore acrilico Orsi aggiunge l’uso di un sostrato d’oro che emerge dall’intreccio delle pennellate, creando così riflessi che variano all’infinito a seconda dell’angolazione della luce.

<

>